Ricetta liquore al cioccolato fatto in casa

Immagine
Sfatiamo un mito: il liquore fai-da-te non è una meta irraggiungibile, da chef provetti. Ecco una ricetta facile, veloce ed economica per deliziare i vostri amici con una bevanda alcolica a base dicioccolato, nella migliore tradizione mitteleuropea. In commercio ne esistono a decine: Il miticoMozart austriaco, il Godiva belga, il Sabra israeliano, il francese Godet, il liquore al cioccolato diModica italiano Un consiglio? Non rivelatene il livello di difficoltà – davvero per principianti – e passerete per esperti del settore, parlo per esperienza!
Ma iniziamo procurandoci gli ingredienti (le dosi sono per 1 litro di liquore):
  • 75 grammi di cacao amaro (scegliete pure la marca preferita)
  • 250 grammi di zucchero
  • 1 litro di latte
  • 150 grammi di alcool puro (reperibile in qualsiasi supermercato nel reparto liquori)

 

Fatto? Procediamo: versate in un recipiente lo zucchero ed il cacao insieme ad un bicchiere di latte (tanto quanto basta per ottenere un composto omogeneo) e amalgamate il tutto, avendo cura di sciogliere eventuali grumi. Versate in una pentola (la più alta che possedete) e portate ad ebollizione, aggiungendo gradualmente il resto del latte. Lasciate cuocere a fuoco lento per altri venti minuti, mescolando di continuo.
Una volta pronto, lasciate che diventi tiepido e solo allora aggiungete l’alcool. Versate in una bottiglia, preferibilmente di vetro, e mettete in frigo: il liquore è pronto! Facile, vero? Alcuni consigli: il liquore va servito freddo ed aumenta la sua consistenza ed il suo livello alcolico con il tempo, in poche parole più passa il tempo e più diventa gustoso! Potete aumentare la dose alcolica se lo preferite, semplicemente aggiungendo una maggior quantità di alcool puro alla ricetta. Una variante del liquore al cioccolato che adoro è quella aromatizzata all’arancia, che riscuote sempre un discreto successo quando lo offro in casa, tanto che ne tengo sempre una bottiglia in frigo pronta per ogni visita inaspettata.
Se poi volete stupire amici e parenti o la persona amata con un “dolce” regalo, in numerosi negozi di casalinghi o negli ex bazar “tutto a mille” si trovano graziose bottiglie di vetro, dalle forme più disparate. Che saranno un perfetto contenitore per la vostra opera culinaria. Può essere un’idea originale per il prossimo San Valentino, per non presentarvi ad una cena a mani vuote o semplicemente da offrire ai vostri ospiti come dessert e liquore insieme. Il miglior uso resta però, a mio avviso, quello del regalo: la stragrande maggioranza delle persone apprezza il fatto che abbiamo impiegato del tempo per qualcosa di speciale, in esclusiva per loro. O almeno queste sono state le positive reazioni di coloro che hanno ricevuto il mio dolce cadeaux alcolico. Magari potreste abbinarlo anche ad una bella bottiglia di liquore nocino, per un’accoppiata di tutto rispetto.
Se invece volete servirlo voi stessi per un dopocena con amici, potete servirlo in grande vassoio accompagnato da praline, o da altre specialità al cacao: crostata di noci al cioccolato, un plum cake al cioccolato, dei deliziosi baci di dama o una torta zurigo rivisitata. O anche una deliziosa mousse di cioccolato perfetta.
Che aspettate? Su, al lavoro!
Questa è una ricetta alternativa:

300 grammi di cioccolato al latte (tavolette)
100 grammi di zucchero
800 grammi di latte
200 di alcool puro (96°)
scorza di un’arancia

procedimento analogo, salvo che cioccolato, zucchero e 200 gr. di latte devono essere amalgamati a fuoco basso. Poi si aggiunge il restante latte e la scorza d’arancia. Occorre togliere la scorza dopo cinque o dieci minuti: più sta dentro, più da profumo…Provate!

 

C’è anche chi usa 600 ml di panna liquida e 400 ml di latte anzichè 1 litro di latte.
Il risultato è molto soddisfacente!!

…e voi che ricetta avete fatto??

C’è aria di Primavera

Immagine

Oggi vi posto un bellissimo tutorial per realizzare una ghirlanda decorativa. Fuori c’è aria di primavera, perchè non portarla anche in casa?? Basta avere degli avanzi di stoffa ed un pò di pazienza!!

I honest to goodness hope and pray that fabric flowers never go out of style.  I hope we wear them, use them in decor, and put them on anything remotely flowerable until I am old and grey.  My love of flowers and gardening grows each year but to be able to craft them from fabric or other materials simply fascinates me.  And they last which makes my joy for them truly complete.

This fabric garland makes me so happy.  When I made the leaf garland, I was not sure what kind of flowers I wanted to make or if I should even add them.  I am so glad I did! I love that the flowers make this so versatile.  From decor, to a party, to holiday decorating.  It is just so pretty.  And the different kind of flower possibilities make me swoon with delight!  Aren’t I sappy over this thing?

I want to share with you how I made these flowers.  I originally got this diy flower pin tutorial fromMomtastic. She used this petal flower to make a pin but I tweeked her tutorial a bit by making these flowers become removable by adding little twisty fasteners.

Here is MY tute…

To make this you will need: scissors (that cut fabric), a glue gun, several large and several small petals and a small felt circle. Cut out several large and small petals for your flower.
  Cut a slit at the bottom of each petal. It will look like it has little legs.:)
 Starting with one of your LARGE petals, cross the legs and hot glue them to your circle.
This helps the petal stand up.
I tried a zillion different ways to do this and this way works the best.
Do this all the way around with your LARGE petals.
Now start a second row with your small petals. Keep doing this until you get to the center and have the fullness you want. I ended up cutting out even smaller petals for the center.
Now you made a pretty little flower.
I decided not to put anything in the center but you can definitely add a fabric/regular button,  pearl, bead or whatever in the center to give it a more finished look. Nothing suited me so I just left it the way it was.
Now for the backs…
You need all this stuff and your glue gun too!
Make a “U” shape with your wire and hot glue it to the back of your flower on the felt circle.
Add a little more hot glue and cover the center with your little felt square and you are done!
 Just fasten it to your vine like a twist tie and you will have a fabric flower and leaf vine.

Ghirlande primaverili

Immagine

Oggi vi pubblico alcune idee da cui trarre spunto per creare la vostra ghirlanda primaverile. Le ho prese dalle mie blogger preferite! Cosa ne pensate? Che tipo di ghirlanda primaverile farete?

Spring-Wreath-DIY-Spring-Craft

Adorable Spring Wreath @ A Helicopter Mom

DSC09705ab185 - Copy (2)A Door Able Decor March Wreath @ Very Truly Me

Spring-Wreath-from-WhipperBerry

Spring Wreath DIY @ Whipperberry

spring wreath title

Spring Wreath Tutorial @ Positively Splendid

paint-chip-wreath-1

Paint Chip Spring Wreath @ My Sister’s Suitcase

DSC_1120

Yarn Spring Wreath Tutorial @ 36th Avenue

holiday wreath

Styrofoam Ball Spring Wreath @ Making It Fun

_O3V8114

Homage to Nature Basket @ Karin Lidbeck

butterfly wreath

Butterfly Wreath @ A Soft Place to Land

springtulip wreath

Spring Tulip Wreath @The Frugal Homemaker

garden hose wreath

Garden Hose Wreath @ Create.Craft.Love

Butterfly wreath 4

dd1ddb242fce5842e48d148d8c1faf3b

Semper Viva Succulent Wreath @ Garden Therapy

f6ff40c99187a03fc465c4bda4c4cf3d

Chocolate Rabbit Wreath @ The Baker’s Daughter

paper butterfly wreath

Paper Butterfly Wreath @ Maryjanes and Galoshes

lemon wreath

Lemon Wreath @ These Small Hours

wreath from front

Blow Away Less Spring Wreath @ Nat Sprat

spring Easter wreath 1

Spring & Easter Wreath @ Fit, Crafty, Stylish & Happy

butterflywreath

Butterfly Flurry Wreath @ Martha Moments
Read more at http://tatertotsandjello.com/2014/02/15-awesome-spring-wreaths.html#eAcA43sltxdg3Ss8.99

Come riciclare vecchie magliette

Immagine

Molte volte buttiamo via, o facciamo stracci con le vecchie magliette… ma si possono creare delle colorate, divertenti e sempre utili borse per la spesa! Ecco un tutorial che ci spiega come farle, anche se è in inglese è spiegato molto bene grazie alle foto. Assolutamente molto semplice da realizzare! Buon riciclo creativo! 

The other day I was going through my boys vast t-shirt collection and getting rid of the ones they no longer wear for one reason or another.  I ended up with 3 perfectly good t-shirts that were too small now and were just begging to be given another chance. So I decided to make a few more of these grocery bags that I first discovered back in Nov.  Right now I only have the one I made…and that just won’t cut it when shopping for 3 “boys” every week.

Both of these “tutorials” are SO easy….they really don’t even require instructions. I think the pictures can speak for themselves.

#1:  Get a pair of scissors.:-)  (Or “get a scissors”, according to the hubster. How do you say it?? I’m certain I’m right! lol)
#2:  Cut off collar with your PAIR OF SCISSORS!:-)  I just free-handed a dotted line with a Sharpie just to have something to follow.
#3:  Cut of sleeves just inside the seam.
#4:  Turn t-shirt inside out and sew a seam along the bottom.
#5:  Trim the excess seam (completely optional…you just just leave it.)
#6:  Turn right side out and you’re done! (Is being “done” a step? So many questions!)

A couple of things about these bags….they hold a TON OF STUFF!!! Which is GOOD, unless you just keep filling them until they are super full and you can’t even LIFT them. Just keep that in mind. Also, they are super STRONG!  Don’t have to worry about these babies busting a seam and sending a sackful of produce rolling across the parking lot!

The ONLY thing I have found to be tricky about using these bags for grocery shopping is actually REMEMBERING to TAKE THEM grocery shopping!  (So if any of you reading this see me at the grocery store without my t-shirt bags…just assume I have forgotten them…once again.) But I am trying a new tactic. I moved them to this little wall-thingy with pegs that hangs right by our door to the garage…hopefully this will be the reminder I need.

Now for my second, less practical t-shirt craft….The T-shirt Headband! Either I am getting more and more crafty since I started this blog….or this project really IS super duper easy! Hopefully a little of both.:-)

Start out with……guess what???  An old t-shirt!  :-)  In this case it was a perfectly good t-shirt my 16 year old had somehow managed to get bleach spots on. (It certainly couldn’t have been moi!)  But since I’d been on the lookout for a t-shirt I could use to do this project I only PRETENDED to be dismayed. Inside I was thinking…..blue….I can work with blue!😉  No one tell him that.

articolo tratto da: http://www.onegoodthingbyjillee.com/

 

<a data-pin-do=”buttonFollow” href=”http://www.pinterest.com/pinterest/”>Pinterest</a&gt;
<!– Please call pinit.js only once per page –>
<script type=”text/javascript” async src=”//assets.pinterest.com/js/pinit.js”></script>

Cuore intrecciato in feltro

Immagine

DOUBLE COLOR #6: COME FARE UN CUORE INTRECCIATO IN FELTRO

Il post di oggi parla di cuori.
O meglio, di uno specifico cuore intrecciato in pannolenci che ho realizzato per il progetto Double Color del mese di Febbraio. I colori, come avrete intuito, sono il bianco e il beige, scelti da Eugenia.

tutorial cuore intrecciato in feltro

L’idea di realizzare proprio questo progetto è nata dal fatto che ne avevo pubblicato un tutorial su facebook qualche giorno fa, che aveva riscosso un certo successo ma era in inglese. Ho deciso quindi di riproporlo, segnalandovi anche la pagina alla quale mi sono ispirata, che contiene anche un video.

Per realizzare un cuore vi bastano 2 ovali allungati in pannolenci o feltro di colori contrastanti (la lunghezza dovrà essere circa 3 volte la larghezza), colla a caldo e nastrini a piacere per la decorazione.

tutorial cuore intrecciato in feltro

Per la realizzazione facciamo 2 tagli paralleli a distanza regolare nella parte interna degli ovali.
Piegando l’ovale a metà, la lunghezza del taglio dovrà risultare uguale a quella del lato corto (vedi seconda immagine).
A questo punto procediamo all’intreccio: prendiamo il primo lembo beige e lo facciamo passare prima nella parte interna del primo lembo bianco, poi all’esterno del secondo lembo bianco, e di nuovo all’interno del terzo.
Con il secondo lembo beige faremo l’intreccio opposto (fuori-dentro-fuori), e con il terzo faremo uguale al primo (dentro-fuori-dentro).
A questo punto avremo ottenuto il nostro cuore, che risulterà una specie di cestino adatto ad essere lievemente imbottito o anche riempito di confetti per una ricorrenza.
Io ho inserito dell’ovattina con qualche goccia di essenza di lavanda, chiuso con la colla a caldo e decorato con un nastrino.

tutorial cuore intrecciato in feltro

E’ una cosa molto versatile, realizzabile in tanti materiali diversi, ad esempio la carta colorata, e in tante varianti (basta cambiare i colori o aumentare il numero dei tagli).

– See more at: http://www.briciolepuntini.com/2014/02/tutorial-cuore-intrecciato-feltro.html#sthash.YjTNDmqG.dpuf

Come creare uno stencil

Immagine

Come fare uno stencil

scritto febbraio 5th, 2014 da  & catalogato come crearefestivitàSan Valentinotutorial.

stencil fai da teAvete mai usato lo stencil per la vostra creatività? è uno strumento facile da usare e anche veloce, in poco tempo potete infatti realizzare delle scritte o dei disegni sul tessuto o sulla carta. Qualche tempo fa ne avevo fatto uno per dipingere sul mio cuscino (lo troverete qui). Oggi Giulia, ci insegnerà invece come crearne uno con l’acetato, un materiale praticamente indistruttibile, che potrete riutilizzare per anni!

COME FARE IN CASA GLI STENCIL

Oggi vi mostrerò come fare da sole in casa gli stencil, strumento indispensabile per chi crea, a costo praticamente pari a zero e riutilizzabili tanto quanto quelli acquistati.

Ecco cosa vi serve:
• immagine stampata dal web raffigurante lo stencil che volete realizzare (sì, la mia stampante come si può notare sta tirando le cuoia)
• foglio di acetato della stessa dimensione
• un utilissimo Craft Knife come questo: http://www.casacenina.it/ellison/craft-knife.html
• nastro adesivo di carta

stencil fai da te - materiali

Come si fa

Su un piano di lavoro adatto al taglio, fissiamo la stampa con il nastro adesivo di carta e, sopra a questa, fissiamo poi il foglio di acetato.

stencil fai da te - tutorial 1A questo punto non rimane che armarsi di Craft Knife e seguire le linee dell’immagine stampata come se si stesse ricalcando con una matita. Se per i tratti più lunghi vi sentite meno sicure, procedete a tratti più piccoli rimuovendo man mano la parte tagliata.

stencil fai da te - tutorial 2Ed ecco ottenuto il vostro stencil esattamente come piaceva a voi, e pronto per essere utilizzato in un attacco creativo dell’ultimo minuto!
Io dato che siamo a tema San Valentino, ho stampato la mia scritta su un cuoricino in legno, utilizzando il color caffè, dopo aver dato un fondo crema.

stencil san valentinostencil san valentino
Basterà lavare lo stencil delicatamente con acqua e sapone dopo l’uso, e potrete riutilizzarlo quante volte vorrete.

scritta love - stencil

Autrice: Giulia di Briciole e Puntini

Le 100 App del Secolo

Standard

L’App Store ha toccato 25 miliardi di download. E a Wired è venuta un’idea: selezionare le applicazioni indispensabili per iPhone. E tu quale preferisci? Entra e votala

– A una settimana dal lancio di questo concorsoFubles è l’app più votata dai lettori di Wired, seguita da What’sApp e Facebook. Sei d’accordo? Votala anche tu, per confermarla al primo posto. Non sei d’accordo? Vota la tua app preferita per farle scalare posti in classifica.


Venticinque miliardi di applicazioni scaricate. Da qualche tempo, praticamente, ne vengono comprate mille ogni (quasi) tre secondi e il ritmo non fa che aumentare in modo esponenziale. Dall’apertura dell’App Store, l’11 luglio 2008, le applicazioni sono passate da 500 a oltre mezzo milione e i numeri dei download sono stati sempre più veloci: 1 miliardo il 23 aprile 2009, 10 miliardi il 22 gennaio 2011. E ora25 miliardi.

Con alcuni colleghi e amici (*guarda in fondo per scoprire la lista completa di chi ha partecipato)abbiamo stilato una lista di 100 applicazioni finaliste, per eleggere l’applicazione più wired del secolo. Anche se il secolo, in effetti, è durato appena quattro anni. Meno di quattro anni, in realtà. Ti sembrerà che ne manchino alcune meritevoli e sicuramente è così. Abbiamo escluso le applicazioni native – come Calendario, Camera, Mail e Mappe, votatissima tra i giurati – perché non sono tra quelle che si possono scaricare.

Scorri l’elenco, trova la tua preferita e vai alla pagina dedicata per votare: basta condividere o fare Like su Facebook e il tuo voto sarà contato: sarà il social network di Mark Zuckerberg a tenere traccia dei voti e ad aiutarci a stilare la classifica, senza trucco e senza inganno.

Non si vince niente, ma potrai dire di aver partecipato all’elezione dell’app più wired di quelle scaricate fin qui.


  1. 123D Sculpt
  2. 8tracks
  3. Action Movie FX
  4. Angry Birds
  5. AntiCrop
  6. AroundMe
  7. Bamboo paper
  8. Bebot
  9. Biophilia
  10. Bloom
  11. Booking
  12. Camera+
  13. CamScanner
  14. CatPaint
  15. Cinderella
  16. CineXplayer
  17. Comixolgy
  18. Currency 
  19. Dragon Dictation
  20. Drop7
  21. Dropbox
  22. Ease into
  23. eBay
  24. Epicurious
  25. Eurosport
  26. Evernote
  27. Facebook
  28. Family Guy Time Warped
  29. Fieldrunners
  30. FileApp Pro
  31. Firenze Virtual History
  32. Flipboard
  33. Foursquare
  34. Fubles
  35. Garageband
  36. Glamour Personal Shopper
  37. Google Earth
  38. Google Traduttore
  39. Grindr
  40. GuitarToolkit
  41. Hatchi
  42. Headquake
  43. Hipstamatic
  44. iA writer
  45. iAtm
  46. Il Meteo
  47. iMaschine
  48. IMDb
  49. iMovie
  50. Instagram
  51. Instapaper
  52. iTorcia
  53. iXpensit
  54. Kindle
  55. Livescore Addicts
  56. LogMeIn
  57. MagicPlan
  58. MetrO
  59. Morfo
  60. MyFitnessPal
  61. Osmos
  62. Pano
  63. Papertrain
  64. Path
  65. Penultimate
  66. Perfect downloader
  67. Photosynth
  68. PhotoToaster
  69. Pixlromatic
  70. Planets
  71. PolyMagic
  72. PolyTune
  73. ProntoTreno
  74. PS Express
  75. Read it later
  76. Reeder
  77. ShakeItPhoto
  78. Shazam
  79. SHOUTcast Radio
  80. Siege Hero
  81. Simplenote
  82. SketchBook Mobile
  83. Sky Guida TV
  84. Skype
  85. Skyscanner
  86. Sleep Cycle
  87. SmartSync
  88. Songkick
  89. SoundHound
  90. Talking Ben
  91. Teamviewer
  92. TED
  93. Timbuktu
  94. TripAdvisor
  95. Trova iPhone
  96. Tumblr
  97. TuneIn Radio
  98. WhatsApp
  99. Wikitude
  100. Zite

Creare forme complesse con Illustrator

Standard
forme-complesseGli elementi grafici sono spesso usati, come parte del disegno di un logo, al fine di trasmettere una particolare idea o concetto in modo efficace e accattivante.

Le forme di questi simboli variano molto dalle più semplici con pochi tratti fino a quelle più complesse.
Con questo tutorial voglio mostrarti come, utilizzando forme geometriche, metodi di elaborazione dei tracciati e un po’ di fantasia, sia possibile creare forme complesse da poter utilizzare nel progetto di un logo.

1. Il fiore

Apriamo un nuovo documento di Illustrator e disegniamo un ellisse lungo e stretto.

Elisse

Clicca con il tasto destro sulla forma e dal menu a tendina scegli “Trasforma” > “Rotazione”. Nella finestra imposta come“Angolo” il valore 30° e scegli “Copia”.

Ellisse copia

Ripeti l’operazione fino ad ottenere una figura così:

Fiore

Per velocizzare il lavoro puoi utilizzare la scorciatoia da tastiera “cmd+D” (per Mac) o “ctrl+D” (per Win) invece di selezionare ogni volta la voce “Trasforma di nuovo” dal menu “Oggetto” > “Trasforma”.
Seleziona il fiore e dal panello “Elaborazione tracciati” clicca sull’ icona “Scomponi”.

Elaborazioni tracciati

Con lo strumento “Selezione diretta” cancella il centro e la prima fila di triangoli.

Parti da eliminare

Coloriamo le punte dei petali con i colori terziari:
– viola (M 100% C 50%)
– magenta (M)
– arancio (Y 100% M 50%)
– verde chiaro (Y 100% C 50%)
– ciano (C)
– azzurro (C 100% M 50%)
Partiamo dal centro, ripetendo il ciclo quando siamo arrivati al sesto colore.
Diamo un po’ di ombreggiatura alle punte aggiungendo una sfumatura radiale. Imposta il “Cursore della sfumatura” su 70.

Cursore sfumatura


 Iniziamo la seconda fila partendo dal petalo tra il viola e il magenta colorandolo di azzurro, continuando fino alla fine del giro con gli altri colori.
Applichiamo la sfumatura radiale e modifichiamola con lo strumento “Sfumatura”.
Allunghiamo il raggio per tutta la lunghezza del petalo e spostiamolo sulla punta esterna come da immagine:

Modifica della sfumatura

Ripetiamo quest’operazione per tutte le sfumature della seconda fila.
Per la terza fila partiremo colorando di ciano il petalo tra l’azzurro e il magenta.

Inizio terza fila

Procedi con gli stessi passaggi spiegati prima.
Siamo arrivati all’ultima fila!! Parti colorando di verde il petalo indicato dall’immagine.

Inizio quarta fila

Questa volta quando modifichi la sfumatura agisci anche sulle proporzioni tirando la maniglia verso l’esterno, dovrai ottenere un ellisse.

Modifica proporzioni

Per finire aggiungiamo un’ombra sotto il fiore. Basta che copi il fiore e unisci i vari pezzetti cliccando in “Elaborazione tracciati”su “Unifica”. Dagli un colore grigio chiaro e posizionalo sotto tutti gli altri livelli.
Questo è il risultato finale:

Fiore finito

2. L’anello

Disegna un cerchio ciano con lo “Strumento ellisse” tenendo premuti “Shift”+“Alt”.
Copialo, cambiagli colore e posizionalo sopra il primo come nell’immagine.

Primo cerchio

Ripeti questo passaggio fino ad ottenere questo risultato:

Elaborazione tracciati degli anelli

Seleziona la figura e dalla palette “Elaborazione tracciati” clicca su “Scomponi”.
Cancella con lo strumento “Selezione diretta” la parte centrale.
Combiniamo insieme alcuni gruppi di elementi del disegno con l’icona “Unisci”, come mostrato nelle figura 1, 2 e 3

Figura 1

Primo gruppo
Figura 2

Secondo gruppo

Figura 3

Terzo gruppo
Per dare tridimensionalità all’oggetto aggiungiamo un po’ di sfumatura.

Sfumatura anello

Il tocco finale:

Anello finito

Sempre con lo stessa forma possiamo creare un altro logo. Invece di unire gli elementi possiamo giocare con gli spazi allargando di qualche millimetro i pezzetti che compongono l’anello.
Quello che otteniamo è una sorta di mosaico:

Anello mosaico

Un bel risultato no?

Con pochi passaggi e un minimo impiego di tempo abbiamo ottenuto 3 elementi pronti per essere utilizzati. Che ne pensi? Ti ho dato uno spunto per partire con la creazione di nuove forme?

Realizziamo un disegno tipografico in Illustrator

Standard
illustratorI caratteri tipografici per noi designer sono il pane quotidiano del nostro lavoro; anche al di fuori ci accompagnano costantemente in quanto fanno parte del complesso mondo della comunicazione visiva.

Nel corso dei secoli hanno avuto un’evoluzione passando da semplici lettere negli alfabeti a dei veri e propri elementi di design capaci non solo di informare ma anche di emozionare.

Avrete sicuramente visto almeno una volta immagini come questa:

Hermitage
Questo è uno dei tanti esempi di tipografia creativa ossia l’utilizzo dei caratteri per creare oggetti, animali o persone che si possono trovare sparsi per Internet.
È da un disegno simile che ho pensato di creare un tutorial su come realizzare un’immagine sul genere.

1. Scegliamo il soggetto

Come prima cosa dobbiamo scegliere il soggetto che vogliamo rappresentare, potete disegnarlo da voi oppure prendere un immagine già fatta. Io ho scelto un uccellino che somiglia a quello di Twitter.

UccellinoAprite un nuovo documento di Illustrator, dimensione a piacere e da “File > Inserisci“  scegliamo l’immagine.

2. Il ricalco dinamico

Selezioniamo l’immagine e nella “Barra di controllo” clicchiamo sulla freccettina vicino al pulsante “Ricalco dinamico“. Si aprirà una tendina di lato con un elenco d’impostazioni predefinite, clicchiamo sull’ultima voce “Opzioni di ricalco“.

Opzioni di ricalco
Impostate come predefinito “Colore 6” e il “N. max colori” a 7. Il resto lasciatelo come da impostazione predefinita e cliccate sul pulsante “Ricalca“.

Ricalco dinamico

Quest’operazione ci è utile per delineare i contorni del disegno e dei colori.

3. Riempiamo con le lettere

Adesso arriva la parte un po’ più noiosa, ma alla fine i vostri sforzi verranno ricompensati, garantito!
Creiamo un nuovo livello e con la parola BECCO iniziamo a riempire la parte con il proprio nome.
Usiamo grandezze differenti per dare del movimento e sistemiamo le parole in modo che seguano la forma del becco. Il risultato dovrebbe essere così:

Particolare becco riempito

Ripetiamo la stessa operazione per il corpo con la parola UCCELLINO, per la coda con la parola CODA e per le zampe con la parola ZAMPE. Ricordate di creare per ogni parte un livello e fate anche dei sotto livelli quando ci sono più colori nella stessa parte.
Per creare un sottolivello cliccate nella palette dei livelli sull’iconcina accanto al “Cestino” e poi su quella con la freccettina del rientro. Il sottolivello è indicato da un colore differente e da una freccia verso destra (nell’immagine è quello di colore fucsia)

SottolivelloUccellino riempito4. I colori

Adesso manca il tocco finale colorare le diverse parti con i rispettivi colori!
In questo passaggio la divisione su livelli ci viene in aiuto, cliccate all’estrema destra del livello selezionando tutte le parti che lo compongono.

Sottolivelli in aiuto

e nella “Barra di controllo” troverete tutte le opzioni per settare il testo, tra cui subito a sinistra il colore. Scegliete un arancio.

Colore arancio
Ripetete la stessa operazione per gli altri colori.
Fatto ciò, nascondete l’immagine di base e…

Uccellino colorato
… ecco il disegno terminato.
Vi sembra somigliante?

5. La galassia

Oltre il disegno dell’uccellino vi volevo far vedere un altra cosa realizzata con le lettere.

Galassia di lettereQuesto è stato molto più semplice da creare: basta trasformare la scritta GALASSIA in un pennello e fare dei semicerchi.
Basta trascinare la scritta nella palette e apparirà una finestra come questa dove potrete scegliere il tipo di pennello.

Creazione pennello

Lasciate su “Pennello diffusione” e fate un tratto di prova. Con il tratto selezionato cliccando nella palette dei pennelli sull’iconcina “Opzioni oggetto selezionato” potete settare le varie opzioni.

VI Summit di Architettura dell’informazione 10-11 maggio 2012

Standard

Quest’anno il Summit si terrà presso l’Università Statale di Milano,  p.zza Indro Montanelli 1 Sesto S. Giovanni, Milano e avrà un’unica giornata dedicata alla conferenza (paper), l’11 maggio.

Le iscrizioni sono aperte. La partecipazione è gratuita ma è necessario registrarsi.

Il Summit è organizzato dall’Associazione di promozione sociale Architecta – Società Italiana di Architettura dell’Informazione. L’Associazione non ha finalità di lucro e svolge attività culturale diretta a promuovere la conoscenza dell’architettura dell’informazione (IA), dell’usabilità, della progettazione centrata sull’utente (UCD), dell’interazione uomo-informazione (HCI), della user experience (UX) e della teoria dell’Internet.

Così come nella passata edizione, ci sarà un primo giorno dedicato a seminari di formazione (di base e avanzati) seguito da una giornata dedicata alla presentazione degli interventi (o paper).

Il Summit di architettura dell’informazione è un’ottima occasione per confrontarsi e analizzare case studies, metodi,  errori e successi.

Per ulteriori informazioni puoi consultare il sito ufficiale dell’evento.

Data: dal 10 al 11 maggio 2012
Città: Milano
Location: Università Statale di Milano
Indirizzo: P.zza Indro Montanelli, 1